16 Settembre 2019

News
percorso: Home > News > Serie B

Francesca Cassani e "gli occhi della tigre"

11-08-2019 09:51 - Serie B
Francesca Cassani sara’ per il quinto anno consecutivo in maglia biancorossa. Una conferma quella di Cash che riempie di gioia la società, il coach e le compagne ma anche le tante ragazzine che ad ogni gara sono a fare il tifo per lei a bordo campo.
E con lei hanno sofferto per la sfortunata stagione passata: un infortunio che le ha impedito di confrontarsi in un campionato di alto livello, conquistato anche grazie alle sue prodezze in campo.
Ma la tenacia e la volontà di tornare anche meglio di prima hanno portato Cash a lavorare duro per un anno intero e farsi trovare pronta per la nuova stagione.
“Quest'anno purtroppo non ho potuto sostenere le mie compagne in campo per via dell'infortunio al ginocchio, ma ho sempre seguito la squadra in ogni trasferta e ho lavorato sodo per poter tornare più forte di prima proprio perché questi anni a Varese mi hanno dato molto e sono stati importanti per me”.
Il basket per Francesca è una questione di famiglia: “entrambi i miei genitori lo praticavano e fin da subito mi hanno trasmesso la loro passione. Ad esempio, quando ero ancora una neonata mi vestivano con il body dei Chicago Bulls e mi avevano regalato delle palline delle varie squadre NBA. Detto così può sembrare che mi sia stato imposto, ma in realtà mi hanno lasciato spazio per capire quale fosse lo sport più adatto a me: ho provato nuoto, calcio, pallavolo e persino equitazione ma fin da subito era chiaro che il basket ce l'avevo nel sangue, e di conseguenza non ho avuto dubbi nella mia scelta”.
E da ragazza sportiva a cui piacciono le sfide Cash è sempre in movimento e in cerca di nuovi stimoli:”Sono sempre stata una ragazza sportiva, abituata a fare tutti gli sport , soprattutto quelli di squadra. Mi è sempre piaciuto cercare di sfidare me stessa anche in sport individuali, ad esempio a scuola alle medie ho fatto gare di corsa campestre e di salto in alto, sfidando gente di altre scuole. In vacanza mi capita di giocare a tennis e di fare camminate in montagna con il mio gruppo di amici. Sicuramente lo sport ha contribuito in gran parte a determinare le mie abitudini e la mia personalità, ma soprattutto mi ha permesso di conoscere moltissime persone e condividere esperienze esaltanti, e se tornassi indietro rifarei volentieri tutto ciò, magari sperimentando anche più sport”
Il basket è però lo sport in cui Francesca ha ottenuto le migliori soddisfazioni e Varese una piazza dove ha potuto esprimersi e dare il meglio di se:”Sono a Varese ormai da 5 anni e non nego che è come se avessi trovato una seconda famiglia, fin da subito. Dopo aver trascorso le giovanili al Geas, ricche di trionfi a livello nazionale, e fatto un anno di transizione a Canegrate, cercavo uno stimolo che mi facesse crescere allo stesso tempo come persona e come giocatrice, e ciò è arrivato proprio con la chiamata di Varese. In questi anni ho acquisito molte responsabilità in campo e migliorato sotto molti aspetti tecnici, per questo devo ringraziare molto Lilli Ferri che mi ha sempre dato fiducia e creduto in me chiamandomi a Varese. Ci sono ancora tante cose che voglio migliorare di me come giocatrice e al momento sono felice di poterlo fare qui a Varese, squadra dove tra l'altro ho conosciuto molte persone a cui voglio bene e con cui ho condiviso momenti bellissimi, sia dentro che fuori dal campo.”
E sicuramente l’anno scorso a Varese è mancato l’apporto di Cash, giocatrice dal grande potenziale atletico, un grado di dare un grosso contributo in fase offensiva:”In campo sono sempre molto concentrata e spesso può sembrare quasi che non provi emozioni ma in realtà chi mi conosce sa che sono tutte dentro di me. Sono più una giocatrice d'attacco, ma mi sto impegnando anche per migliorare in difesa. Le mie armi migliori sono il salto, le giocate in velocità e le stoppate. In spogliatoio sono una che ascolta, che incita e, al contrario di quando sono in campo, sempre l'ultima ad uscire perché sono lentissima a prepararmi!!”.
Anche per Cash i rituali pre partita sono sacri :”Ascolto sempre la mia canzone pre partita e mi lavo la faccia con acqua fredda. Inoltre ,dal minibasket fino a oggi, mia mamma mi dice sempre la frase "mi raccomando, occhi della tigre!!" prima di ogni partita e ormai è diventata una mia fissa!”.
Nonostante l’infortunio, Cash è riuscita a laurearsi e proprio la sosta forzata dal gioco le ha permesso di riflettere e di valutare diversamente alcune situazioni tanto da poter ora dare consigli preziosi alle giovani del gruppo:”I dieci mesi trascorsi a recuperare dall'infortunio mi hanno fatto aprire gli occhi su molte cose che spesso si danno per scontate ma che sono davvero importanti per una squadra. Il mio consiglio è: giocate per divertirvi, giocate per esultare insieme, giocate per emozionare e per emozionarvi, giocate per condividere. Il talento è importante se si vuole giocare a buoni livelli, ma l'intesa e il feeling tra compagne contano tantissimo in una stagione sportiva. Sopportatevi sempre a vicenda, andate a mangiare la pizza insieme dopo la partita, siate sempre curiose di imparare qualcosa di nuovo ad ogni allenamento, non giocate per accontentarvi ma per superarvi e contate sempre su tutte coloro che indossano la vostra stessa maglietta.
Infine un consiglio per i genitori che hanno figli e vogliono iniziarli ad uno sport:” L'importante è sempre lasciare al proprio figlio la libertà di scegliere ciò che più fa per loro e che più piace, perché uno sport deve essere praticato per divertirsi e per stare bene. Io posso dire che il basket mi ha dato tantissimo e se tornassi indietro lo sceglierei altre mille volte. Auguro a tutti , bambini e bambine che si approcciano a questo sport, di provare le emozioni che ho provato e che ancora oggi provo ogni volta che tiro la palla a spicchi e faccio canestro, perché, fidatevi, ne vale davvero la pena.”.
E se lo dice Cash, c’è da crederle!

Fonte: Uff. Stampa

Sponsor

[]
[]
[]
[]
Grafica Esse Zeta

Rassegna Stampa

Entusiasmo e idee chiare

30-08-2018 - Intervista a Lilli Ferri - Rassegna Stampa 2018_2019
[]
Entusiasmo e idee chiare
Umilmente ambiziosi, la strada indicata da Lilli Ferri per questa nuova avventura in serie A2

Riparte da Gazzada la stagione della Varese rosa

30-08-2018 - Intervista a Basket Varese - Rassegna Stampa 2018_2019
[]
Riparte dal PalaBranco la stagione WAV in attesa che venga pronta la nuova tana di Azzate.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio